Costume e società

Pulizia delle zanzariere: tutto ciò che c’è da sapere!

Pulizia delle zanzariere tutto ciò che c'è da sapere!

Le zanzariere eseguono un importante funzione soprattutto durante il periodo estivo, in quanto è molto piacevole lasciare la porta aperta per far passare un po’ di aria fredda senza essere disturbati da quegli insetti fastidiosi: le zanzare, però, di conseguenza, le zanzariere “trattengono” ogni giorno sporcizia, polvere, polline e chi più ne ha più ne metta! Le zanzariere plissettate, tuttavia, proteggono gli interni della casa dallo smog, se si abita in una zona di città estremamente trafficata, per cui inevitabilmente almeno una o due volte durante l’anno, è necessaria una bella pulizia!

Come si pulisce una zanzariera plissettata?

Se non si fosse capito, le zanzariere plissettate possono essere paragonate tranquillamente a delle vere e proprie barriere contro la sporcizia e insetti fastidiosi, ma sfortunatamente grazie a quest’azione, si sporcano con poca difficoltà. Ma come si puliscono?

  • È vietato utilizzare oli, acidi o addirittura grassi per pulire una zanzariera! Le zanzariere plissettate sono composte da fili di poliestere, per cui cosa succede se laviamo la zanzariera con un solvente o un olio? Esattamente, assolutamente niente, quindi sarebbe tempi sprecato! Anche se è un materiale molto resistente soprattutto per quanto riguarda gli agenti chimici, è consigliato lavarle con un sapone neutro così da evitare di rovinare le peculiarità.
  • Se invece non si ha molto tempo, è utile anche solo un panno imbevuto d’acqua. Basterà semplicemente passare il panno con acqua con movimenti che vanno dall’alto verso il basso e lasciare asciugare all’aria, ed il risultato sarà semplicemente una zanzariera pulita e decisamente piacevole alla vista, ed inoltre il passaggio costante d’aria durante il giorno, farà sembrare la zanzariera nuova di zecca!
  • Un altro metodo molto conosciuto è quello di usare una spazzola ad aria compressa, la quale rimuove ogni traccia di sporco e di insetti rimasti all’interno della zanzariera. È un oggetto comodo, veloce e pratico soprattutto per tutte le persone che non hanno molto tempo da dedicare alla casa, ma che, giustamente, vogliono avere una zanzariera pulita. È consigliato anche passare uno straccio con acqua e sapone delicato dopo aver utilizzato la spazzola ad aria compressa, così da togliere delle micro particelle di polvere che possono essersi posate nel mentre.

Con cosa vengono fatte le zanzariere plissettate?

Si è capito, ormai, che avere una zanzariera plissettata in casa è molto comodo, soprattutto per chi dispone di una casa che affaccia verso la strada o in campagna, dove sono presenti molti insetti, talvolta non solo nella stagione estiva. Esse presentano un telo plissettato, o anche detto “pieghettato”, e si adattano tranquillamente a qualsiasi infisso: che sia una porta, una finestra, o anche un mix tra i due ossia la porta-finestra, ed è anche un elemento tra le mura di casa molto piacevole da vedere, in quanto non è eccessivamente ingombrante e si adatta ad ogni parete di casa che si dispone. Una loro particolarità è quella di avere una rete ad impacchettamento, ossia laterale o verticale, infatti quando essa è chiusa, la rete diventa tesa, quando invece è aperta, si adatta semplicemente e si piega quasi come una fisarmonica.

È sicuro avere una zanzariera plissettata in casa?

Molto spesso ci si preoccupa di un prodotto ancora prima di comprarlo pensando che possa essere scadente e di buttare solo soldi, ma invece una zanzariera plissettata è molto più utile di una classica, in quanto il suo sistema di apertura è più sicuro e non prevede alcun avvolgimento ed inoltre, è dotata di uno scorrimento molto più fluido, il che rende ancora di più il controllo sull’apertura. Generalmente, sono anche dotate di una guida a pavimento, per cui la rete non fa altro che scorrere sulle guide inferiori, i quali possono essere di 3 o 5 mm, anche se ormai sono presenti anche quelli da 7. E infine, questi tipi di zanzariera, permettono anche di abbattere delle barriere architettoniche, per cui è consentito anche un passaggio più comodo di passeggini, bambini o anche della nostra persona.