Lavorazione del legno con le frese verticali

Lavorazione del legno con le frese verticali

Chi si occupa di bricolage, fai da te e realizza diversi progetti creativi con il legno, non potrà fare a meno di tutta una serie di utili strumenti, come ad esempio le fresatrici. Usata dai falegnami professionisti e anche nel campo dell’ebanisteria, questa macchina è provvista di un motore che, una volta azionato, mette in funzione la fresa sulla quale vengono montate diverse tipologie di punte. Grazie alla fresatrice si possono realizzare diverse sculture, ma non solo. Questa macchina serve per limare, rendere i profili del legno più netti, realizzare scalanature e tanto altro.

Frese per ogni esigenza

Acquistare una fresatrice non è così semplice come si protrebbe pensare, perché in commercio esistono numerosi modelli che differiscono fra loro per prestazioni e caratteristiche tecniche. Scegliere la macchina giusta, pertanto,potrebbe rivelarsi abbastanza complicato, specialmente in mancanza di esperienza nel settore della falegnameria.

Il primo fattore da considerare è sicuramente la potenza dl motore che dovrà essere adeguata al tipo di legno che si deve lavorare. A questo proposito, in caso di legni duri sarà necessario disporre di una macchina fresatrice che assorbe almeno 1200 watt, in modo da poter lavorare senza intoppi. Modelli sotto 1000 watt sono più adatti per rifinire i bordi. Quando la fresatrice verrà usata in maniera intensiva è sempre meglio puntare su un articolo affidabile e solido. Macchine di questo tipo integrano spesso la funzione per aspirare i trucioli, in modo da poter eseguire anche lunghe lavorazioni con il massimo comfort. Il piano di lavoro, infatti, resterà sempre pulito e questo si traduce nella massima praticità.

Frese per fresatrice verticale legno

In fase di scelta della nuova fresatrice non bisogna poi trascurare un altro aspetto, ovvero le punte presenti in dotazione, che solitamente vengono contenute all’interno di una valigetta, in modo che tutto possa restare sempre ordinato e semplice da trovare. Gli accessori sono abbastanza importanti perché rendono la macchina molto più versatile, quindi perfetta per portare a compimento diverse lavorazioni in modo preciso e impeccabile. Nel caso delle frese verticali gli utensili vengono fissati in maniera perpendicolari rispetto alla tavola portapezzo. Nelle fresatrici di tipo orizzontale, invece, vengono fissate in modo parallelo. Le punte per fresatrice sono davvero tante e per tutte le esigenze.

In genere le migliori vengono realizzate in titanio, un materiale super resistente e che non teme la corrosione. Non mancano poi punte in ceramica, apprezzate perché evitano il problema del surriscaldamento. Entrambe le tipologie di punte rappresentano un buon soluzione per ogni fresa, anche perché consentono di velocizzare il lavoro e di ottenere risultati altamente professionali. In genere quando si compra una fresa vengono offerte in dotazione solo un numero limitato di punte e per questo si raccomanda di acquistare appositi kit composti da accessori di varie forme e dimensioni.

In conclusione

Alla luce di quanto spiegato, all’interno di una falegnameria veramente funzionale non è possibile fare a meno della fresa, stesso vale quando si lavora il legno per hobby. Occorre comunque far presente che non basta scegliere l’utensili giusto, quindi quello più adatto alle proprie necessità, perché è fondamentale utilizzare punte per fresatrice verticale di alta qualità. Questi accessori sono indispensabili per rifinire senza sbavature ogni profilo e per poter lavorare ogni genere di legno. Le punte che offrono elevate prestazioni si rivelano indispensabili per aggiungere dettagli e scalanature, quindi per dare libero sfogo alla creatività, anche per ciò che riguarda gli intarsi più o meno elaborati. Le punte si possono comprare singolarmente o in appositi kit completi di tutto il necessario adatti anche per professionisti.