Costume e società

Conservare alimenti senza frigo ed energia è possibile?

Conservare alimenti senza frigo ed energia è possibile?

Riuscite a immaginare il mondo moderno senza cibo in scatola o senza l’uso di freezer e congelatori? Nemmeno noi.

Grazie al tempo che ci fa risparmiare, avendo cibo conservato e sempre a portata di mano, possiamo dedicare più ore al lavoro, alla vita e al dedicarci alle attività quotidiane.

In un’ottica di risparmio, esistono anche dei trucchi per risparmiare sul costo dell’energia. Un esempio è quello di selezionare la tariffa luce partendo dalle opinioni dei clienti (sul blog di CheTariffa.it spiega, ad esempio, dove e come leggere le recensioni di Optima Luce e gas): è una buona idea approfondire sempre prima di scegliere un fornitore, solo così il nostro portafoglio ne gioverà.

Quanto consumano gli elettrodomestici?

In casa oramai abbiamo tutto: frigo, congelatori, abbattitori, cantinette specifiche per il vino, degni dei migliori ristoranti stellati.

Un po’ per moda, un po’ per comodità.

Ma ti sei mai fermato a pensare all’importanza di conservare il cibo nella nostra vita?

Nelle prossime righe ti invitiamo a conoscere i metodi di conservazione degli alimenti più utilizzati nell’industria alimentare e nelle cucine di tutto il mondo.

Storia della conservazione degli alimenti

Il cibo gioca un ruolo fondamentale nella storia e nello sviluppo dell’essere umano di oggi.

Per questo l’evoluzione umana ha uno stretto rapporto con il cibo e, di conseguenza, con la sua conservazione.

In questo modo, lo sviluppo di metodi di conservazione va di pari passo con i grandi passi dell’umanità.

Senza dubbio, è emozionante tenere traccia degli antichi metodi di conservazione del cibo

L’esempio più notevole sono i romani, che hanno sviluppato vari metodi di conservazione che utilizziamo fino ad oggi, come: salamoia, affumicatura e disidratazione.

Infatti il romano Marco Gavio Apicio (considerato da molti storici il più gourmet del I secolo, per via del suo palato raffinato) spiega passo passo nel suo libro L’arte della cucina le tecniche di conservazione della carne e dei cibi in uso a quel tempo.

Tecniche di conservazione degli alimenti

Sebbene fare scorta di cibo sia semplice come visitare il supermercato, ci sono diversi metodi, al di là del frigorifero, che permettono di conservare il cibo a casa. In molti casi, le aziende non utilizzano un unico metodo di conservazione, ma diversi metodi combinati per migliorarne la qualità e la durata

Successivamente, analizzeremo alcune delle principali tecniche di conservazione degli alimenti disponibili, comprese quelle che puoi usare tu stesso.

Liofilizzazione

La liofilizzazione consiste nel congelare un alimento (ad una temperatura inferiore a -30 ºC) per estrarne l’acqua sotto vuoto, trasformando il ghiaccio in vapore acqueo. Questo metodo preserva quasi tutto il valore nutritivo del cibo. Tuttavia, il suo utilizzo è costoso, motivo per cui viene applicato in prodotti come il caffè (normale o decaffeinato solubile), il latte per bambini e alcuni altri alimenti.

Pastorizzazione

Con questa tecnica si applica calore al cibo per un certo tempo (il tempo varia a seconda di esso), a temperature comprese tra 80-100 ºC. Subito dopo, il cibo deve essere raffreddato rapidamente. Questo trattamento regola e distrugge i microrganismi patogeni nel cibo, ma non inattiva le loro spore. Per questo motivo il prodotto deve essere conservato al freddo dopo l’apertura.

Disidratazione

La disidratazione è una procedura mediante la quale il cibo perde acqua, inibendo così la crescita dei batteri. Questa pratica può essere eseguita esponendo il cibo al sole o utilizzando un forno disidratatore. Viene applicato a molti prodotti alimentari come cereali, frutta e verdura. Con cibi disidratati puoi ottenere zuppe disidratate, caffè in polvere, uova disidratate, cereali.

Essiccazione

Questa tecnica termica viene utilizzata prima del congelamento degli alimenti, con l’intento di distruggere gli enzimi che influenzano il colore, il sapore e il contenuto vitaminico del prodotto. Inoltre ammorbidisce il cibo.

Salatura

Questa tecnica di conservazione consiste nel disidratare un alimento aggiungendo sale comune (cloruro di sodio), o immergendo il prodotto in una soluzione salina o per diffusione diretta del sale sulla sua superficie. Questa procedura inibisce la crescita dei microrganismi, la degradazione dei sistemi enzimatici e di conseguenza rallenta le reazioni chimiche.

Affumicatura

Questa procedura è una combinazione di essiccazione e salatura. Nell’affumicatura, il fumo ottenuto dalla combustione di alcune sostanze viene utilizzato con l’intento di modificare l’alimento producendo un effetto sterilizzante e antiossidante. Inoltre, conferisce al cibo un aroma particolare e una consistenza eccellente. Generalmente si affumicano carne, pesce e maiale. Alcune ricette includono carni affumicate, salmone affumicato, pollo affumicato e costolette di maiale affumicate.

Sottaceto

Questa procedura utilizza una miscela di sale e aceto per conservare il cibo. L’aceto fornisce le sue qualità come conservante, mentre il sale disidrata il cibo. All’inizio questa tecnica era utilizzata come metodo di conservazione, ma oggi viene utilizzata in gastronomia per evidenziare la consistenza del cibo e conferirgli un sapore molto caratteristico. Alcune ricette in salamoia includono cozze in salamoia o pollo in salamoia.

Fermentazione

Questa tecnica di conservazione sfrutta i microrganismi presenti nell’alimento per esaltarne le qualità organolettiche e ottimizzarne le qualità nutrizionali. Questo processo viene solitamente applicato nei prodotti lattiero-caseari.