Un treno da Reggio Calabria a Taipei

L’approccio BOSE®

Oltre un decennio di ricerche nel campo della musica live amplificata, lavorando a stretto contatto con musicisti, tecnici del suono, appassionati di concerti e produttori di strumenti per comprendere al meglio i problemi che si incontrano nella diffusione di un suono live di qualità. Questo è l’ambito della ricerca nella quale siamo costantemente impegnati e che ci ha condotto alla creazione di un nuovo tipo di diffusore, aprendoci un mondo di nuove straordinarie opportunità per l’amplificazione della musica dal vivo.

I sistemi line-array portatili L1® sono il cuore di questo nuovo approccio. Le tecnologie avanzate di elaborazione del tono, un’esclusiva della Bose, consentono di ottenere facilmente il suono desiderato da qualsiasi voce o strumento. Una volta definito il tono desiderato, la copertura sonora straordinariamente ampia e uniforme del sistema L1® diffonderà il suono nell’intero ambiente di ascolto come nessun altro impianto di tipo tradizionale è in grado di fare. Il tutto grazie a un sistema portatile e compatto, pronto per l’uso in pochi minuti.

Molto più di un nuovo tipo di diffusori, i sistemi line-array portatili L1® rappresentano un approccio innovativo al suono live, che consente ad artisti e ascoltatori di sperimentare il suono, esattamente come si desidera venga ascoltato. Ecco come questi sistemi risolvono molti dei problemi comuni delle esibizioni live amplificate:

È considerevolmente ridotto l’ingombro delle apparecchiature da trasportare e montare: i sistemi L1® sono più leggeri e più portatili.

I suoni di voci e strumenti vengono diffusi su tutto il palco e provengono dalla posizione effettiva dell’artista, non da un diffusore alimentato collocato lateralmente.

I sistemi L1® inviano solo una minima quantità di energia sonora verso l’alto e verso il basso, producendo quindi molto meno riverbero.

I diffusori tradizionali, in particolare gli amplificatori per chitarra, tendono a essere molto direzionali in un’unica gamma tonale, con un raggio molto definito di suono in asse e un suono fuori asse molto più spento che risulta disperso in tutte le direzioni, anche verso l’alto e verso il basso. I sistemi L1®, invece, diffondono il suono ad un’ampiezza di quasi 180 gradi, garantendo così uniformità di copertura sonora e omogeneità tonale.

Gli artisti hanno il controllo completo sul suono, e sanno esattamente in qualsiasi momento ciò che viene ascoltato dal pubblico.

La parola ai musicisti

I musicisti che abbiamo interpellato hanno tutti mostrato una grande consapevolezza dei punti deboli dei sistemi audio tradizionali nelle esibizioni live. Molti ne hanno descritto gli effetti negativi sui loro concerti e sul godimento dello spettacolo da parte del pubblico.

La invitiamo a esplorare questo nuovo approccio e a valutare di persona: