IL GIRO DEL MONDO IN VESPA

Record, sport e grandi viaggi: la Vespa ha al proprio attivo una vera e propria attività sportiva,

Le competizioni sportive in Vespa si sono sviluppate nell’Europa degli anni Cinquanta.

Nel 1952 il francese Georges Monneret costruì una “Vespa anfibia” per il rally Parigi-Londra, attraversando con successo la Manica. Mentre l’anno precedente la stessa Piaggio aveva realizzato una Vespa 125 cc Prototipo per gare di velocità: ed ecco conquistato, alla media di 171,102 Km orari, il record mondiale di velocità sul chilometro lanciato.

E’ sempre del 1951 il grande successo ottenuto alla “Sei giorni internazionale” di Varese: Vespa conquista 9 medaglie d’oro, è in assoluto il miglior motociclo italiano.

Nello stesso anno il primo degli innumerevoli

raid su Vespa

: una spedizione in Congo, che darà il via ad una serie di incredibili viaggi in sella a uno scooter nato essenzialmente per risolvere i problemi del traffico urbano ed “intercity”. Giancarlo Tironi, studente universitario italiano, raggiunge in Vespa il circolo polare artico. L’argentino Carlo Velez, dal canto suo, attraversa invece la Cordigliera delle Ande da Buenos Aires a Santiago del Cile. Anno dopo anno, Vespa diventa sempre di più un oggetto di passione per gli amanti dei viaggi di avventura: Roberto Patrignani da Milano a Tokyo; Søren Nielsen in Groenlandia; James P. Owen dagli USA alla Terra del Fuoco; Santiago Guillen e Antonio Veciana da Madrid a Atene; Wally Bergen in “grand tour” nelle Antille; gli italiani Valenti e Rivadulla nel periplo della Spagna; miss Warral da Londra a Londra via Australia; il giro del mondo dell’australiano Geoff Dean. Pierre Delliere, sergente dell’aviazione francese, in 51 giorni raggiunge Parigi da Saigon, passando per le piste dell’Afganistan. Lo svizzero Giuseppe Morandi effettua con la Vespa che aveva comprato nel 1948 un raid di 6.000 chilometri, in gran parte nel deserto. Ennio Carrega in 12 giorni parte da Genova, raggiunge la Lapponia e ritorna. I giornalisti danesi Elizabeth ed Erik Thrane – fratello e sorella – raggiungono Bombay in Vespa. Non si contano più, ormai, le “imprese” di scooteristi europei arrivati in Vespa a Capo Nord.

INIZIO PAGINA